I i comandi fanno parte del sistema operativo di un computer, ed è per questo che questa volta ne menzioneremo quattro e cosa dovresti sapere al riguardo.

comando sudo Iscsi

La prima cosa che dovresti sapere è che per utilizzare questo comando è importante installare l'intero pacchetto.

Ora, tenendo conto che tutti i comandi servono come una piccola istruzione per il corretto funzionamento del sistema operativo; È anche importante conoscere i dettagli di ciascuno.

In questo caso l'installazione e la configurazione del comando iSCSI in Linux non è molto complicata. Devi solo fare quanto segue:

  • Devi confermare il iscsi-iniziatore-utils, e assicurati che dispositivo-mapper-multipah è anche installato.
  • La prossima cosa che devi fare è connetterti all'istanza Linux tramite un client SSH.
  • Quindi è necessario continuare l'installazione del multipath e del client iSCI, utilizzando il comando: sudo yum install -y device-mapper-multipath iscsi-initiator-utils

Ricorda che multipath dovrebbe essere installato solo se desideri eseguire il failover tra ciascuno dei file server.

Se questo è il caso e vuoi che la risposta non impieghi così tanto tempo, la prima cosa da fare è impostare il valore di timeout nel /etc/iscsi/iscsid.conf, con il valore 5 e senza il valore predefinito 120.

  • Ora, inizia ad avviare iSCSI, con il comando: sudo systemctl start iscsid
  • È importante verificare la versione di Linux installata sul tuo dispositivo, perché un altro dei comandi che puoi utilizzare è il seguente: sudo systemctl start iscsid. Questo è solo nel caso in cui quanto sopra non funziona.
  • Hai la possibilità di verificare che il servizio funzioni perfettamente, ponendo il comando di: sudo systemctl stato iscsid.service, Il sistema dovrebbe risponderti immediatamente.

Configura iSCI su Linux

  • Nel caso in cui si desideri eseguire un failover automatico, è importante configurare il multipathing e viene utilizzato il seguente comando: sudo mpathconf --enable --with_multipathd e
  • Il passaggio successivo consiste nel determinare il nome dell'iniziatore dell'host Linux con il seguente comando: sudo cat /etc/iscsi/initiatorname.iscsi

Comando sudo isblk-fm

Questo tipo di comando viene utilizzato per ordinare le informazioni dei dispositivi in ​​​​blocchi, che possono essere dischi rigidi, cd-rom, tra gli altri. Tutto quello che devi fare è posizionare ciò che appare nell'immagine di riferimento:

Inserendo questo comando, appaiono immediatamente tutte le partizioni dei dischi che si trovano all'interno del sistema operativo. Generalmente si fa riferimento a tre dischi: due interni che sono l'sda e l'sdb, e quello esterno che sarebbe l'sdc.

Con questo comando hai anche la possibilità di verificarne le dimensioni o qualsiasi altro dato che ti interessa.

sudo fdisk -I Comando

È un comando ben noto perché gestisce ordina l'intera tabella delle partizioni dei dischi del sistema operativo. È molto facile da consultare, devi solo posizionare tutto ciò che appare nell'immagine che ti lasciamo, di seguito:

Questo è un altro modo per conoscere tutte le informazioni sulle partizioni e sui dischi integrati nel sistema Linux.

df -h Comando

Il comando df è specializzato per vedere tutto lo spazio occupato o libero nel file system. Per conoscere tutti questi dati è importante eseguire tutti i comandi mostrati nell'immagine seguente:

I comandi menzionati in questo articolo non sono gli unici che funzionano perfettamente per conoscere le informazioni e i dati trovati sui diversi dischi e partizioni. Tuttavia, sono uno dei più importanti, per questo motivo oggi sono stati citati.