I nuovi iPhone 14 e iPhone 14 Pro stanno facendo scalpore in tutto il mondo, nel migliore dei modi. Entrambi i modelli sono tra i migliori dispositivi mobili venduti fino ad oggi. In questa occasione sapremo tutto su l'iPhone 14 Pro e gli impressionanti esempi di astrofotografia.

Le fotocamere dell'iPhone 14 Pro e la modalità notturna fanno astrofotografia

Il modello Pro si distingue un po' di più grazie alla sua terza fotocamera sul retro e all'innovativo pannello frontale con la nuova interfaccia di Isola dinamica. Una persona, infatti, ha condiviso alcune immagini scattate in modalità Notte con l'iPhone 14 Pro, e possiamo tranquillamente affermare che questo modello è pronto per esplorare il mondo dell'astrofotografia.

L'astrofotografia è un'affascinante fusione di fotografia e astronomia che rende possibile il catturare immagini di fenomeni astronomici. Le apparecchiature all'avanguardia consentono l'acquisizione di immagini di alta qualità con una portata maggiore rispetto alla visione umana. Ciò si ottiene attraverso tecniche di lunga esposizione, la capacità di rilevare radiazioni invisibili all'occhio umano e l'uso di lenti specifiche.

Ad esempio, il sistema operativo iOS incorpora una funzionalità chiamata "Modalità notturna", che rende facile scattare foto in condizioni di scarsa illuminazione. Questa funzione utilizza algoritmi di esposizione estesa avanzati. Tuttavia, questo tipo di software richiede hardware ad alte prestazioni e compatibile per funzionare in modo efficace, come quelli che si trovano nei recenti modelli di iPhone.

In particolare, i nuovi modelli di iPhone 14 Pro hanno notevolmente migliorato le loro fotocamere, consentendo loro di avventurarsi nel campo di astrofotografia. Lo si evince dalle immagini condivise da un utente con MacRumors, scattate con un iPhone 14 Pro.

L'iPhone 14 Pro è caratterizzato da una sofisticata disposizione di tre fotocamere sul retro:

  • Un Fotocamera principale da 48 megapixel con obiettivo da 24 mm, apertura ƒ/1,78, stabilizzazione ottica dell'immagine utilizzando lo spostamento del sensore di seconda generazione, un obiettivo a sette elementi e pixel di messa a fuoco al 100%.
  • Un Ultra grandangolare da 12 megapixel con obiettivo da 13 mm, apertura ƒ/2,2, un campo visivo di 120°, un obiettivo a sei elementi e pixel di messa a fuoco al 100%.
  • Un Teleobiettivo da 2 megapixel x12 (grazie al sensore Quad Pixel) con a Obiettivo da 48 mm, un'apertura di ƒ/1,78, stabilizzazione ottica dell'immagine con spostamento del sensore di seconda generazione, un obiettivo a sette elementi e pixel di messa a fuoco al 100%.

Un esempio delle capacità di questo telefono è un'immagine catturata con a Impostazione ISO 10,000 utilizzando il sensore da 12 megapixelS. In particolare La modalità notturna non è disponibile quando si utilizzano tutti i 48 megapixel dalla camera principale. Inoltre, l'immagine è stata modificata con l'applicazione Lightroom sullo stesso iPhone, grazie alla possibilità di acquisire in formato Apple ProRAW.

I progressi nella tecnologia mobile hanno rivoluzionato il mondo dell'astrofotografia, rendendola un'attività più accessibile e popolare. Le capacità dei dispositivi odierni consentono agli hobbisti di catturare il cielo notturno con una qualità senza precedenti.